CHI E'

 

IL VIAGGIO

 

REPORTAGES

 

COLLABORAZIONI

 

CONTATTI

 

 

 

 

AFRICA

 

 

           

BENIN

“Strade di sabbia”. Le tradizioni culturali, le diversità etniche ed ambientali in un paese sorprendente ed ancora sconosciuto al grande turismo.

 

           

BENIN

“Baobab, l'albero sacro”. Magnifico protagonista del paesaggio africano, è per molte etnie il tramite diretto tra la terra ed il cielo. Ma anche un prezioso alleato dell'uomo al quale fornisce materie prime per infiniti impieghi e rimedi.

 

           

CAPOVERDE

“Di pietra e di sabbia”. Undici isole da scoprire, nell’Oceano Atlantico al largo delle coste africane del Senegal.

Un mondo davvero diverso, sebbene non lontano dall’Europa.

 

           

COMORE

“Le isole dimenticate”. All’ingresso del Canale di Mozambico tra l’Africa ed il Madagascar. Quattro isole diverse tra loro, immerse in una natura incontaminata ed abitate da una popolazione particolarmente ospitale.

 

           

GAMBIA

“Lento scende il fiume”. Nel più piccolo Paese africano, lungo un placido fiume, sorge la riserva di Makasutu Culture Forest.
Tra le tante sorprese un piccolo hotel de charme che coniuga design contemporaneo, forme della tradizione, amore per l'ambiente.

 

           

GAMBIA

“Viaggiare in Gambia”. Il mare e il fiume. I villaggi lontani dell'interno e quelli animati della costa. I piccoli mercati e le spiagge. Ma soprattutto l'incontro con la gente, ospitale e curiosa.

 

                 

KENYA / Lamu

“Regina di sabbia”. Tra canali oceanici, foreste di mangrovia e grandi dune di sabbia bianca costantemente raccolte dal vento, sorge Lamu: un'isola, una città, un arcipelago.  Il più antico insediamento del Kenya. Culla della civiltà “Swahili” è oggi una delle mete più autentiche e singolari della costa orientale africana sull’Oceano Indiano.

 

                 

MADAGASCAR

…quel treno per Manakara. La linea FCE è il leggendario “treno della foresta” che da Fianarantsoa, a 1100 metri, scende a Manakara sulla Costa Est dell’Oceano Indiano, facendo sosta in 18 villaggi che vivono isolati nella foresta.

 

                 

MADAGASCAR

Dove il tempo sospende il suo volo. Si dice spesso che “il tempo vola”… Ma a volte può fermarsi. Come qui, nel sud ovest estremo del Madagascar, lungo la Costa del Capricorno che fronteggia il Canale di Monzambico e che da Tulear volge a Morondava.

 

                 

MADAGASCAR

Route sud. C’è una lunga strada che taglia il Madagascar. E’ la mitica RN7, vera spina dorsale del Paese che partendo da Antananarivo, negli hautes-plateaux, degrada verso l’Oceano Indiano fino all’incontro con Tulear, la “Capitale del Sud” proprio all’altezza del Tropico del Capricorno.

 

                 

MADAGASCAR

“L’Arca di Noè nell’Oceano Indiano”. Una grande isola (due volte l’Italia) dove si fondono gli aspetti più affascinanti di un viaggio: la cordialità e la genuinità degli abitanti, la varietà degli ambienti, le qualità naturali, il sapore delle terre lontane.

 

                 

MADAGASCAR

"La via della rafia". Una delle fibre vegetali più povere e dimenticate diventa oggi materia di nuove creatività e risorsa economica per il Paese.

 

                 

MADAGASCAR

"Le isole del Capricorno". Madagascar, uno dei paesi più affascinanti e misteriosi, non è solo la "Grande Terre", l'isola-continente, ma anche le tante isole che la circondano.

Piccoli mondi all'ombra del Tropico, perduti nell'Oceano Indiano. Da scoprire ed ascoltare.

 

                 

MADAGASCAR

"Un'isola, mille volti, mille sorprese". Madagascar è tutto e niente. Ma come ogni incontro magico è irripetibile, ti entra dentro e non ti lascia più ...

 

                 

MADAGASCAR

"Vita dolce. Nuove forme di osplitalità in Madagascar". Anche nel Paese del turismo “low-cost” per eccellenza, dei lodges più spartani….stanno sorgendo pian piano deliziosi hotel de charme. Sono in genere strutture insolite, capaci di coniugare un’accoglienza frendly, riservata  a pochi ospiti, con la cura e la ricercatezza del più raffinato island-chic .

 

                 

MAROCCO

“Il respiro dell’Oceano”. La costa atlantica da Casablanca ad Agadir: una regione ancora segreta e poco frequentata dal turismo. Le spiagge infinite e selvagge, le città-fortezza dell’epopea portoghese, i loro souk, gli odori, i colori, l’artigianato.

 

                 

MAROCCO

"Essaouira, la città del vento". L'eco dei grandi viaggiatori - da Orson Wells ai Rolling Stones, da Cat Stevens a Jimi Hendrix, a Tennessee Williams - e l'avvento del turismo, non hanno intaccato il fascino discreto di quest'angolo unico del Marocco.

Tra nostalgie lusitane, visioni arabesche, canti berberi, voli di gabbiani... E su tutto il soffio degli alisei.

 

                 

MAROCCO - L'altro Marocco

Oltre le città imperiali e dietro le medine e i borghi costieri c’è il Rif. È una regione montana ancora da scoprire che nasconde villaggi di antiche tradizioni e culture.
Come Chefchaouen rimasta per secoli fuori dal tempo e dalla storia.

 

                 

LE MASCARENE

Era il 1507 quando l'Ammiraglio portoghese Diego Fernandes Pereira avvistò queste isole al largo del Madagascar. Pochi anni dopo -il 1513- il suo connazionale Pedro Mascarenhas per primo mise piede su Réunion e Mauritius, che insieme a Rodrigues e le minori Agalega, Saint Brandon-Cargados Carajos e Tromelin, formano l'arcipelago, al quale impose il suo nome.

 

                 

MAURITIUS

“Cocktail tropicale”. Piccola guida ai luoghi meno conosciuti di Mauritius. Dove andare, dove dormire e dove mangiare al di fuori dei soliti itinerari turistici dell’isola più famosa dell’arcipelago delle Mascarene.

 

                 

MAURITIUS

Villa Chantemer”. Nell’isola dei grandi alberghi e dei villaggi turistici, l’accoglienza di una tipica “maison d’hote”. Una casa bianca, circondata da un giardino tropicale che si affaccia su una lunga, candida spiaggia proprio di fronte alla barriera corallina. L’ambiente curatissimo e la premura della proprietaria, una raffinata signora indo-mauriziana.

 

                 

MOZAMBICO

“Sotto il tropico del Capricorno”. Viaggio insolito alle origini di questo Paese dell’Africa australe, attraverso i luoghi della sua memoria storica e culturale: Ilha de Moçambique e Ibo, due isole straordinarie e dimenticate. Eppoi lungo le coste dell’Oceano Indiano tra lingue di sabbia bianca, lagune turchesi e ricordi coloniali, le isole Bazaruto, la spiaggia di Wimbe, il villaggio di Xai-xai alla foce del fiume Limpopo, la bianca città di Inhambane e la capitale Maputo, già Lourenço Marques al tempo dei portoghesi.

 

                 

MOZAMBICO

"Una Facoltà di Architettura italiana in Mozambico". L'Università degli Studi di Roma 3 ed il Ministero deli Esteri hanno sviluppato negli ultimi anni un rapporto di cooperazione con le Istituzioni del Mozambico che, in particolare, prevede l'insediamento di un gruppo di docenti italiani nella gestione della Facoltà di Architettura di Maputo. Uno di loro - il prof. Paolo Martegani - ha vissuto questa importante esperienza ed ha avuto modo di conoscere da vicino la realtà del Paese che qui racconta attraverso l'intervista resa a Raffaele Bernardo.

 

                 

REUNION

Un'isola di acqua e di fuoco: l'Oceano Indiano e il vulcano La Fournaise segnano il paesaggio. Ma anche le spiagge bianche di Boucan Canot. Le grandi vallate dei Cilaos. I colori della natura. I sapori delle spezie. E Saint-Denis, la piccola capitale, un po' Francia ed un po' Africa….

 

                 

RODRIGUES

“La grande laguna di corallo”. Alla scoperta della più piccola e sconosciuta tra le Isole Mascarene. Il mare, i coralli, la gente, i ritmi di una vita diversa. Eppoi la suggestione delle maree e delle antiche tradizioni in uno degli angoli più autentici e segreti dell’Oceano Indiano.

 

                 

SAO TOME' - Viaggio all'equatore

Per scoprire Sao Tomé e Principe il più piccolo Paese dell’Africa Occidentale.
Due isole ancora intatte tra natura primordiale e accoglienza generosa, panorami mozzafiato e antiche piantagioni, nostalgie coloniali e avvenirismo alle porte.

                 

SENEGAL - Il Sud

Sontuosi paesaggi tropicali attraversati da una miriade di corsi d’acqua. I tipici villaggi “diala”, i parchi, le spiagge, la pesca, il folklore…… E ovunque la tradizionale “teranga”, l’ospitalità, sacra e spontanea.

 

                 

SENEGAL - MAURITANIA

“Passeggeri del vento”. Viaggio inedito nella regione a cavallo del fiume Senegal, confine naturale tra lo Stato omonimo e la Mauritania. Alla scoperta del deserto dei Mauri, dei loro antichi villaggi carovanieri, degli accampamenti nomadi e dell’incontro tra le dune abbaglianti del Sahara e le onde cupe dell’Oceano. Eppoi dalla mitica St. Louis, lungo il grande fiume e la sua natura selvaggia, alla ricerca delle città coloniali dimenticate, di mercati autentici e sconosciuti, delle tradizioni millenarie, del Sahel senegalese.

 

                 

SEYCHELLES

“Silhouette: un'isola per fuggire". Tra le 115 isole che formano l’arcipelago, Silhouette è una di quelle rimaste fuori da qualunque contaminazione.

Una barriera corallina continua e profonda, che l’ha resa da sempre inaccessibile, un mare vivissimo e pescoso, un interno completamente ricoperto da vegetazione rigogliosa, ultimo esempio di foresta originale dell’intero Oceano Indiano.

 

                 

TANZANIA - ZANZIBAR

“Le donne e il mare". Non solo perscatori e naviganti, ma anche coltivatrici di alghe, protagoniste dell'isola swahili.

 

                 

TANZANIA - ZANZIBAR

“Viaggiare a Zanzibar". Insieme a Lamu in Kenia, Zanzibar in Tanzania rappresenta tuttora il caposaldo della cultura swahili, che ha segnato per secoli la costa orientale dell'Africa.

 

                 

TANZANIA - PEMBA

“L'altra Zanzibar". La seconda isola dell'arcipelago, più piccola e meno contaminata dal turismo, conserva tutto il sapore dei luoghi dimenticati.

 

 

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

 

CHI E'

IL VIAGGIO

REPORTAGES

COLLABORAZIONI

CONTATTI